FAQ Settore Economico

Perchè scegliere un Istituto Tecnico piuttosto che un Liceo?

La formazione di tipo tecnico conferisca allo studente competenze sicuramente spendibili, qualificate, utili e fortemente vantaggiose in prospettiva sia lavorativa, grazie all’impostazione operativa del percorso scolastico, che universitaria per chi avesse intenzione di voler proseguire gli studi dopo avere conseguito il diploma.

Come metodologia, nell’Istituto tecnico viene usata spesso quella laboratoriale nella convinzione che “imparare facendo” possa motivare con successo gli studenti. Le competenze tecniche sono perseguite anche attraverso l’acquisizione di varie certificazioni e lo svolgimento di tirocini specifici.

La preparazione informatica, giuridica e contabile non esclude che gli studenti sviluppino anche una solida cultura generale e la competenza di “imparare ad imparare” che permette di proseguire gli studi con buoni esiti, specie se le scelte universitarie sono coerenti con l’indirizzo dell’istituto tecnico frequentato.

Il percorso tecnico-economico riesce a sviluppare una curiosità verso il mondo reale, scoprendo aspetti della vita sociale, economica e tecnologica che possono essere propedeutici ad interessi professionali futuri: l’orientamento degli studenti è quindi una priorità di questi corsi..

Quali differenza intercorrono tra il Corso AFM e il SIA?

ll Corso AFM (Amministrazione, Finanza e Marketing) è orientato alla formazione globale e completa di un professionista in ambito amministrativo e contabile, che redige e interpreta documenti amministrativi e finanziari aziendali, svolge attività di marketing e collabora alla gestione e controllo dei processi aziendali. Il quadro orario delle lezioni è caratterizzato da materie come economia aziendale, diritto, economia politica e due lingue straniere. Come profilo in uscita, il diplomato AFM ha una buona preparazione giuridica ed economica spendibile in ambito commerciale e contabile.

Nell’articolazione SIA (Sistemi Informativi Aziendali), il profilo si caratterizza per il riferimento sia all’ambito della gestione del sistema informatico aziendale, sia alla valutazione, scelta e adattamento di software applicativi; tali attività sono tese a migliorare l’efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all’organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. Le discipline caratteristiche del Corso di studi sono Economia Aziendale e informatica, che rendendo il diplomato capace svolgere un’attività professionale, oltre che contabile, anche nell’ambito della gestione del sistema informatico aziendale e nella valutazione, scelta e adattamento di software applicativi.

Quali differenze intercorrono tra il Corso AFM e il RIM?

A partire dal terzo anno le peculiarità dei due Corsi si evidenziano nettamente: l'indirizzo RIM (Relazioni Internazionali per il Marketing) introduce lo studio di una terza lingua e di Relazioni Internazionali, mentre il Corso AFM (Amministrazione, Finanza e Marketing) dedica un numero maggiore di ore all'approfondimento di Economia Aziendale, di Diritto ed Economia Politica.

Perché scegliere un corso RIM?

L’articolazione Relazioni internazionali per il Marketing ha il fine di formare diplomati che affiancano alle competenze amministrativo-finanziarie, tipiche dell’indirizzo economico, altre relative alla comunicazione aziendale (avvalendosi della conoscenza di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici) e alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche e vari contesti lavorativi.

Questo indirizzo è indicato per chi ha una buona predisposizione per le discipline economico aziendali ed è interessato:

  • alle attività di marketing, con particolare riferimento all’e-commerce;
  • alle lingue straniere, alla comunicazione aziendale e all’informatica;
  • alle tecniche di trasformazione, conservazione e commercializzazione dei prodotti.

Quali lingue si studiano nel corso RIM?

La prima lingua è l’inglese, poi si può scegliere sin dalla Prima il tedesco o il francese, ed entrambe si studiano nel corso di tutto il quinquennio. 

A partire dal terzo anno, nel corso RIM si inizia lo studio o del tedesco o del francese (la lingua non scelta dalla Prima).

È possibile conseguire il diploma anche francese (EsaBac Techno) solo se si inizia lo studio della lingua francese dalla Prima.

Quali differenze intercorrono tra il RIM e il Liceo linguistico?

Il corso RIM privilegia lo studio della lingua straniera da un punto di vista economico-giuridico nel Triennio; le materie di indirizzo sono tecniche, “operative” e professionalizzanti.

Il liceo linguistico si concentra maggiormente sullo studio delle letterature straniere nel Triennio e prevede materie complementari umanistiche (latino i primi due anni, filosofia dalla terza in poi).

Come è strutturato il Corso di studi quinquennale?

L’Istituto Tecnico Economico è suddiviso in un Biennio unitario ed in un Triennio.

Lo scopo del Biennio è consolidare conoscenze e abilità acquisite nella scuola secondaria di 1° grado e, nel contempo, offrire un primo contatto con le materie proprie dell’indirizzo (economia aziendale, diritto e informatica).

Con il Triennio si rafforza ciò che è stato precedentemente appreso e si sviluppano competenze professionali e tecniche utili sia per l’inserimento nel mondo del lavoro, sia per il proseguimento degli studi universitari.

Quando avviene la scelta del corso specifico?

Il biennio è comune per tutti, bisogna solo scegliere la seconda lingua straniera tra francese e tedesco; la richiesta del corso specifico (AFM, SIA o RIM) avviene in terza.

Che caratteristiche ha l’Istituto Tecnico economico rispetto al Liceo delle Scienze Umane con opzione economico-sociale?

L’istituto tecnico economico offre un percorso scolastico caratterizzato da una buona preparazione giuridica ed economica con sviluppo di competenze contabili e informatiche apprezzate dal mondo del lavoro e utili anche nella prosecuzione degli studi in ambito aziendale.

È possibile personalizzare il percorso scolastico: dopo un biennio comune gli studenti possono approfondire l’area linguistica RIM, informatica SIA o contabile AFM.

Importanti sono l’uso dei laboratori nella didattica e le attività di alternanza PCTO scelte in modo coerente al corso per rafforzare la preparazione del nostro diplomato.

Nel quadro orario dell’Istituto tecnico sono presenti materie come informatica, economia aziendale e due lingue che preparano gli studenti a un lavoro amministrativo-contabile o commerciale in tutti i tipi di azienda, studi professionali ed enti pubblici.

Il diplomato dell’Istituto Tecnico economico si distingue per una buona preparazione contabile e fiscale e per aver affrontato le principali tematiche del marketing e della finanza attraverso esercitazioni in laboratorio.

Un particolare rilievo viene attribuito all’informatica indispensabile per le competenze e l'inclusione nel mondo digitale in ogni settore e per affrontare nell’attuale mondo del lavoro problemi di natura economica. In questo percorso non vengono trattate, invece, tematiche sociologiche, psicologiche e antropologiche.

Di cosa tratta l’’Economia Aziendale”?

È la scienza economica che studia le condizioni di esistenza e le manifestazioni di vita delle aziende, spaziando dalle imprese familiari alle grandi società di capitali, dagli enti pubblici alle cooperative.

L'economia aziendale è il nucleo da cui si diramano branche specialistiche dedicate a singole tematiche tra loro complementari come, ad esempio, il marketing, la ragioneria, le tecniche bancarie, la finanza aziendale, ecc.

La disciplina si occupa di analizzare problemi economici legati alla vita delle aziende, di partecipare, fornendo informazioni, alla definizione di strategie aziendali e di risolvere con strumenti matematici e informatici problemi di natura aziendale.

Quali sono le differenze tra Economia aziendale ed Economia politica?

L’economia aziendale si occupa di studiare le regole per la gestione economica delle aziende (fatture, cambiali, partita doppia...), il comportamento delle persone - come consumatori, risparmiatori e lavoratori - e i fenomeni che caratterizzano la vita dell’azienda dal suo interno.

L’economia politica si occupa invece di teorie politiche e storia dell’economia, andando a indagare  vari fenomeni economici e le relative teorie che si sono susseguite nell’arco del tempo e l'attività dell'uomo rivolta all'ottenimento delle risorse necessarie a soddisfare i suoi bisogni Si divide in macroeconomia, che si occupa del comportamento di grandi aggregati visti nel loro insieme (es. tutti i consumatori o tutti gli imprenditori) e microeconomia, che studia il comportamento delle singole unità economiche (es. un consumatore o un imprenditore).

Sono importanti le attività di laboratorio nell’Istituto tecnico economico?

Spesso le lezioni di economia aziendale e delle altre materie d’indirizzo prendono l’avvio dall’analisi di casi che prevedono l’uso del laboratorio per le presentazioni (PPT, PREZI, ECC), di software gestionali per la contabilità (DINAMICO EDUCATIONAL, ESATTO), dell’uso di EXCEL per risolvere con calcoli problemi di natura economica, di strumenti per la creazione di siti dinamici (WIX, Wordpress, GoogleSuite …), per la gestione di data base, la creazione di procedure e app, in laboratorio non siamo semplici utenti ma artefici

Cos’è l’EsaBac TECHNO?

L’Esabac Techno è stato creato appositamente per gli istituti tecnici e permette di sviluppare competenze linguistiche sia nella lingua in generale che nell’ambito economico.

Si tratta di un percorso di formazione integrato svolto nell’arco di un triennio (nel Corso RIM) per studenti che possono conseguire, con lo stesso esame, il diploma italiano e quello francese con cui iscriversi all’università o lavorare in entrambi i Paesi.

Grazie alla presenza di un esperto madrelingua, gli allievi possono acquisire approfondite conoscenze della lingua e civiltà francesi necessarie per sviluppare competenze linguistiche nell’ambito economico, giuridico e aziendale.

La parte di esame specifica, denominata EsaBac Techno, è costituita da:

1. una prova scritta e orale in lingua francese, denominata “lingua, cultura e comunicazione”;

2. una prova orale di storia veicolata in francese, nell’ambito del colloquio.

Sono importanti le attività PCTO (ex alternanza) nell’Istituto tecnico ECONOMICO?

Per la natura dell’Istituto tecnico le attività PCTO completano l’attività didattica tradizionale con tirocini (anche all’estero), project work commissionati dall’esterno, conferenze e corsi di formazione. Tutte le attività vengono progettate annualmente dai singoli Consigli di classe. Per svolgere queste attività la scuola stipula convenzioni con aziende, studi ed enti pubblici dimostrando di essere un soggetto aperto e disponibile a scambi con l’esterno.

Nel triennio le ore da svolgere sono almeno 150, necessarie per essere ammessi all’Esame di Stato. L’Istituto tecnico in generale, il nostro in particolare, si distingue per aver organizzato queste attività ben prima che l’alternanza fosse obbligatoria e riesce quindi, tramite i propri contatti, a fornire agli studenti occasioni di progetti PCTO di buona qualità.

Cos’è il progetto WE4JOB (SPORTELLO LAVORO)?

E’ un’attività svolta a favore dei diplomati che nell’anno successivo al diploma decidono entrare nel mondo del lavoro o di vivere un’esperienza di tirocinio all’estero. Viene fornita una consulenza e un aiuto concreto nella ricerca dell’occupazione

Sono previsti scambi, soggiorni e attività con l’estero?

Sì, la nostra scuola propone soggiorni linguistici e scambi con i paesi di cui si studia la lingua e attività di alternanza scuola-lavoro anche al di fuori dell’Italia.

Quali sono gli sbocchi previsti dopo il diploma?

I nostri alunni possono scegliere se andare a lavorare subito o accedere all’università; in questo secondo caso si possono iscrivere a tutte le facoltà.

Molti studenti scelgono con buoni esiti corsi universitari dell’ambito economico aziendale (economia, management dell’informazione e comunicazione aziendale, business e management in inglese), linguistico (scienze della mediazione linguistica, lingue e culture per il turismo, comunicazione internazionale per il turismo), giuridico (laurea magistrale in giurisprudenza, consulenza del lavoro e gestione delle risorse umane, diritto per le imprese e le istituzioni), matematico- informatico (ingegneria gestionale, matematica per la finanza e l’assicurazione, informatica, economia e statistica per le organizzazioni e informatica).

Negli ultimi anni i nostri studenti hanno trovato molto interessanti i corsi biennali ITS relativi al settore dell’informatica (ITS TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE E DELL’INFORMAZIONE) e del turismo (ITS TURISMO E ATTIVITA’ CULTURALI), percorsi che si distinguono per un tasso di occupabilità dell’80 % a un anno dal diploma nei settori coerenti con gli studi.

Per gli studenti che si avvicinano al mondo del lavoro, oltre a percorsi di orientamento, viene proposta un’interessante iniziativa di apprendimento duale in collaborazione con la Regione Piemonte (alternanza di periodi tra presenza a scuola ed esperienza lavorativa).

I diplomati trovano facilmente lavoro presso studi professionali, aziende e grande distribuzione.