FAQ Liceo Scientifico e Scienze Applicate

Qual è la caratteristica principale del liceo Scientifico?

Il liceo Scientifico (nelle sue due declinazioni, Ordinamento e Scienze Applicate) è indirizzato allo studio delle Scienze (matematiche, chimiche, fisiche e naturali). Il percorso del liceo scientifico favorisce l’acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale.

Viene garantita, inoltre, un’ottima preparazione culturale con lo studio di discipline afferenti all’area umanistica e linguistica. È possibile consultare sul sito la scansione oraria delle discipline

Quali sono le differenze fra liceo Scientifico di Ordinamento e liceo Scientifico - opzione Scienze Applicate?

Il liceo Scientifico di Ordinamento prevede un perfetto equilibrio tra le discipline umanistiche e quelle scientifiche, equilibrio ben descritto dal quadro orario dell’indirizzo. Questa distribuzione simmetrica fornisce allo studente ottime competenze sia nell’ambito afferente alle discipline classiche e umanistiche (lingua letteratura italiana, lingua e letteratura latina, lingua e letteratura inglese, storia e filosofia, disegno e storia dell’arte) sia in quello afferente alle discipline scientifiche (matematica, fisica, scienze naturali -> chimica, biologia, scienze della Terra).

Il liceo Scientifico opzione Scienze Applicate, pur mantenendo la struttura di base del liceo Scientifico, e cioè destinando particolare cura alla formazione culturale generale dello studente, rivede la distribuzione oraria tra le discipline, propendendo per quelle tecnico-scientifiche, che vengono potenziate dall’introduzione dell’Informatica, ma soprattutto da un copiscuo monte ore di Scienze Naturali (Chimica-Biologia-Scienze della Terra), in particolar modo nel Triennio. In questo indirizzo la lingua e la letteratura latina lasciano il posto all’Informatica (2 ore la settimana lungo tutti e cinque gli anni) e ad un programma di Scienze Naturali più vasto ed approfondito (3 ore il primo anno, 4 ore il secondo anno, cinque ore lungo tutto il Triennio), che prevede attività di studio teorico e di laboratorio. E’ prevista, anche per la filosofia, una riduzione del monte ore settimanale da 3 a 2 ore lungo tutto il triennio. Rimangono invece identici  i programmi di Matematica e di Fisica con le relative scansioni orarie (con l’unica differenza della Matematica, al secondo anno, che prevede 4 ore nelle Scienze Applicate contro le 5 ore nello Scientifico di Ordinamento).

Come è strutturato l’insegnamento dell’Informatica nelle Scienze Applicate?

Si svolgono due ore settimanali di informatica, dal primo al quinto anno; queste ore vengono svolte quasi interamente in laboratorio. La disciplina si propone di condurre gli studenti a:

  • Saper riconoscere, impostare e realizzare documenti/file di tipo diverso
  • Abituarsi all'utilizzo di un ambiente gestendo le interazioni tra software
  • Sviluppare le strategie del pensiero traducendole in algoritmi per risolvere situazioni problematiche, soprattutto in ambito matematico.

Durante l’ultimo anno si parla anche di Intelligenza Artificiale e reti neuronali e della sicurezza in rete (crittografia e cifratura).

Si punta sulla  Programmazione orientata agli oggetti. I software utilizzati: flowgorithm, Scratch, Dev C++, Java, octave, matlab. Tramite  Arduino, coding e robotica si vuole avvicinare gli studenti ai principi della programmazione, della domotica e della robotica con un approccio pratico e interattivo. Inoltre si insegna agli studenti a progettare e realizzare pagine web statiche ed ipermedia a supporto della comunicazione

Quale importanza riveste l’utilizzo dei laboratori nei due indirizzi?

Per quanto concerne l’utilizzo del laboratorio di Fisica, questo è il medesimo sui due indirizzi, in quanto medesimi sono il programma e la scansione oraria e, sino ad oggi, le prove scritte dell’Esame di Stato che coinvolgono la Matematica e la Fisica. Il laboratorio diventa così il luogo in cui osservare fenomeni fisici e, anche grazie alla guida dell’insegnante e alla collaborazione dei compagni, elaborare congetture per interpretarli fisicamente. Ma il laboratorio può diventare anche il luogo di verifica sperimentale delle leggi studiate in classe, tramite l’attività di gruppo di presa dati, analisi degli stessi e stesura di relazioni di laboratorio. L’attività non ha quindi una cadenza regolare, ma si adatta alla scansione degli argomenti trattati lungo l’anno scolastico.

La didattica laboratoriale è strettamente necessaria nell’ambito di discipline come la chimica, la biologia, la geologia e viene generalmente utilizzata non solo per verificare leggi o osservare fenomeni/sistemi biologici ma anche per costruire ed organizzare le conoscenze: il punto di arrivo del percorso laboratoriale è un approccio di tipo problem-solving ai vari argomenti.  

La frequenza dell’utilizzo del laboratorio è legata al monte orario della disciplina e alla tipologia di argomenti trattati.

L’approccio laboratoriale permette infine di valorizzare competenze che non emergono durante la didattica tradizionale in classe e di costruire competenze di cittadinanza come  rispetto delle regole e delle idee altrui e  stimola un approccio collaborativo alla risoluzione di un problema. 

Quali sbocchi universitari sono possibili?

Il liceo Scientifico di Ordinamento consente la prosecuzione degli studi in tutti i percorsi post secondari ed universitari, grazie alla generalità e al livello di approfondimento delle discipline.

Il liceo Scientifico opzione Scienze Applicate predispone alla prosecuzione degli studi in ambito universitario di qualsiasi indirizzo, ma in particolar modo negli ambiti tecnico-scientifici.

Quali percorsi PCTO prevede il vostro Istituto?

Negli anni sono stati attivati diversi percorsi, alcuni specificatamente orientati all’indirizzo scientifico, come le collaborazioni con l’osservatorio Astronomico di Pino T.se, con l’Alenia Space, con la Maserati, con farmacie e parafarmacie del territorio, altri più generali di impronta sociale e destinati a promuovere iniziative di cittadinanza attiva, proposti agli studenti di tutti gli indirizzi dell’Istituto, attivati grazie alla collaborazione col comune di Grugliasco (nell’ambito di GrugliascoGiovani i progetti delle Fiabe Animate, della Bottega dei Mestieri, di Piazza Ragazzabile, per citarne alcuni).

Perché lo studio del latino nel percorso del liceo Scientifico di Ordinamento?

La conoscenza del latino completa e consolida la formazione degli studenti e si concilia a pieno con il piano di studi proposto. Evidenze scientifiche dimostrano che sviluppa la logica e migliora il linguaggio. Questo ben si sposa con un indirizzo scientifico, anche perché educa alla precisione e al rigore, indispensabili in ogni professione, ma mandatari in qualsiasi professione in ambito tecnico-scientifico.

Nel vostro Istituto sono previsti progetti per gli studenti dell’indirizzo scientifico?

Diversi sono i progetti che vengono attivati presso il nostro Istituto: progetti di valorizzazione delle eccellenze, come lo stage di Matematica a Bardonecchia, lo stage di Fisica  gestito dall’AIF, laboratori di Fisica presso la facoltà di Fisica dell’Università di Torino, Olimpiadi di Fisica, il Mercatino delle Idee. Progetti più generali, rivolti cioè ai ragazzi dello Scientifico, ma non solo,  sono i corsi in preparazione ai test di accesso al Politecnico, per tutti i ragazzi delle classi quinte dell’Istituto. Accanto a questi progetti più specifici, ne esistono altri rivolti a  tutta la scuola: colleghi di diverse discipline (Matematica, Italiano, Latino, Scienze) attuano attività di sportello (pomeridiane) a piccoli gruppi lungo l’intero anno scolastico, per permettere il superamento delle difficoltà incontrate lungo il percorso. Il Dipartimento di Lingue Straniere effettua ormai da anni un’attività di tutoraggio per la Lingua Inglese rivolto a  tutti gli studenti interessati.